martedì 1 giugno 2010

I Love Sushi- 1 parte. LA PREPARAZIONE DEL RISO.

Io amo la cucina etnica in generale, ma il sushi è la mia passione.
Ho anche frequentato un corso tenuto da una fantastica Michiyo Murakami ed ho una libreria piena di libri sull'argomento sushi e cucina giapponese.
Ho scelto le indicazioni migliori, tra immagini e spiegazioni ed ho deciso di postarle.

1° parte. LA PREPARAZIONE DEL RISO PER SUSHI.

Il riso è fondamentale nella cucina giapponese, non solo nella preparazione del sushi, lo troviamo sulla tavola servito semplicemente bianco come accompagnamento per altre pietanze o nella preparazione dei dolci.
Come prima parte vedremo la procedura del riso per sushi.

INGREDIENTI E DOSI PER 6/8 PERSONE

Riso a chicchi piccoli e rotondi 850 g
Acqua minerale naturale 1litro
Alga kombu di circa 10 cm di lato 1 pezzo
Sakè o Mirin 3 cucchiai
Aceto di riso o di mele cl 5
Zucchero 5 cucchiai
Sale 2 cucchiai

Procedimento


Il riso per sushi, come già detto, va scelto a chicchi piccoli e tondi, deve tenere bene la cottura e, importante, deve essere ideale per essere "pressato", come vuole la tradizione giapponese.
Per chi volesse un riso giapponese io consiglio la marca Okomesan, è un riso prodotto da giapponesi in Italia, precisamente in Piemonte. L'Italia come sappiamo è un grande produttore di riso e questo prodotto non fa eccezione.
1. Versiamo il riso in una ciotola e laviamo bene sotto l'acqua corrente, mescoliamo con le mani finchè l'acqua sarà limpida. I giapponesi, parola di Michiyo, lo sciacquano per 5 volte, ma bastano anche tre.Scoliamo bene e lasciamo riposare per 30 minuti.

2. Trasferiamo il riso in una pentola dal fondo spesso, versiamo l'acqua minerale e il sakè o mirin.  Aggiungiamo l'alga kombu, pulita con un telo umido e la tagliamo, con le forbici, a pettine su di ul lato.
Nota 1 : il mirin è un tipo di sakè dolce usato in cucina, io consiglio di usare il sakè questa preparazione, per evitare che il riso sia troppo dolce. 
Nota 2 : per la cottura del riso si consiglia di usare una pentola a pressione che evita la fuoriuscita della schiuma; se si opta, invece, per un'altra pentola scegliamone comunque una che abbia una buona chiusura, perché per una buona riuscita non dovremmo mai togliere il coperchio. 

3. Portiamo ad ebollizione a fuoco medio, quando bolle alziamo la fiamma per un minuto, poi riduciamo per 6-7 minuti e quindi al minimo per 10 minuti ancora. Quindi spegniamo il fuoco e togliamo l'alga, copriamo con un telo, rimettiamo il coperchio e lasciamo riposare 15 minuti, in modo che si gonfi bene.

4. Versiamo, intanto, in un pentolino l'aceto con lo zucchero e il sale, scaldiamo a fiamma bassa senza portare a bollore finchè lo zucchero non si sia sciolto; quindi lasciar raffreddare.
5. Versare il riso  in un recipiente di legno largo dai bordi bassi, bagnato precedentemente con acqua e aceto, allargandolo bene sul fondo con una spatola di legno inumidita, sempre con acqua e aceto.
Versare gradualmente la soluzione preparata di aceto, zucchero e sale, mescolare più volte con la spatola e contemporaneamente sventolare con un ventaglio o un piccolo vebtilatore, per raffreddare velocemente il riso.
Alla fine il riso dovrà risultare lucido, compatto e leggermente viscoso. Copriamolo con un telo umido fino al momento dell'uso; affinchè resti morbido conserviamolo in un luogo appena fresco, mai in frigorifero. Utilizziamolo prima possibile, comunque nell'arco della giornata.
 Nota 3 : Hangiri è il recipiente giapponese di legno dai bordi bassi, noi potremmo utilizzare anche uno in vetro o ceramica purchè non sia di metallo.





10 commenti:

Riky ha detto...

I LOVE SUSHI TOO

Es una receta que siempre que puedo la preparo, por desgracia a mi mujer no le gusta nada, siempre aprovecho para hacerlo cuando ella no esta en casa. Lo unico que me falta es en abanico jeje, dejo que se enfrie al aire.

Enhorabuena por tu sushi, esperare a la segunda parte.

Besos

A ver que te parece la traduccion de google ..... :-)))

AYNA ha detto...

Me parece muy interesante,esperamos la segunda parte con impaciencias,un besazo.

pao ha detto...

* Riki: ¿Como que te falta el abanico? si en España hay abanicos super preciosos! Yo tengo tres: con toros y una bailarina de flamenco, lo compre a la feria... jejejeje!!!
La traduccion de google me parece bastante buena, pero si os gusta podria escribir la segunda parte tambien en español...

* Muchas gracias Ayna. Voy a preparar muy pronto la segunda parte: preparacion de nigiri-sushi...

besos+++

Puffin ha detto...

ciao!! mi piace il sushi, grazie dell'ottima spiegazione!! molto brava

stefania.confidential ha detto...

ciao bellissimo il tuo blog ! :)

speedy70 ha detto...

Interessantissima ricetta! Grazie cara, già copiata, un abbraccio!

lucy ha detto...

CHE BELLA QUESTA RICETTA, MOLTO INTRIGANTE IL SUSSHI.BELLE LE SPIEGAZIONI E LE FOTO ESAURIENTI

pao ha detto...

ciao a tutti, grazie per i bei commenti ed il sostegno...
sto preparando la seconda parte con spiegazione di nigiri, maki e altre belle ricette...
spero che possiate continuare a seguirle!!!io nel frattempo seguirò voi...
baci.

Anonimo ha detto...

Ciao,
idem con patate... anch'io adoro il sushi.. ma l'unica cosa che riesco a fare e' gustare i piatti di una cara amica Giapponese... al momento!
Blog interessante, il mio e' appena nato... passa a trovarmi se ti va'...nuove amicizie sono sempre ben accette! Anna p.s. il blog si chiama TheGustibus! ( Claudia di Myricettarium collabora nel blog!)

La Cucina del Topino ha detto...

Hola Paola!! Es que vuelvo y encuentro esta receta tan deliciosa!! Me encanta el sushi y desde hace tiempo que quiero probar una receta, me la apunto definitivamente.
Un abrazo!

Posta un commento

Per inserire le emoticon nei tuoi commenti copia i segni accanto alle faccine!
To insert emoticons in your comments copy signs next to the Smiles!

Ogni tuo commento è il benvenuto... :)
Grazie!